I cani hanno bisogno della compagnia di altri cani?

I cani sono esseri sociali, o quanto meno lo sono diventati al punto che ormai il loro habitat naturale è quello all’interno di una famiglia umana o con almeno una persona che si occupi di loro. Spesso i padroni di cani sono preoccupati che la loro presenza non sia sufficiente e che un cane abbia bisogno, almeno di quando in quando, della compagnia di altri cani, ma è davvero così?

notizie animali, cani, cani amici, amicizia fra cani

Affettuosi e fedeli, i cani possono sviluppare con i loro pardoni un legame che ricorda da vicino quello tra una mamma e il suo bambino, che si sente sicuro e a suo agio quando il padrone (la mamma) è nei paraggi ricavandone sicurezza e conforto emotivo. In presenza di altri cani un cane può certamente mostrarsi socievole e giocherellone ma potrebbe anche essere infastidito o mettersi in competizione con un suo simile, un’esperienza quindi non del tutto piacevole. In generale, illegame emotivo sviluppato in anni di convivenza con l’uomo rende questo legame perfettamente in grado di soddisfare il bisogno di compagnia di un cane.

D’altra parte, che due cani facciano amicizia è del tutto possibile e sono molte le storie di legami indissolubili durati anni, vite intere. Se il cane dunque mostra di gradire la compagnia di un suo simile si può tranquillamente agevolare l’amicizia e fare in modo che i due passino un po’ di tempo insieme. La notizia è però che il cane può instaurare un legame affettivo anche con altre specie oltre alla sua, per esempio con il convivente più probabile, il gatto. Anche in questo caso, dunque, basta l’osservazione: se il cane e il suo nuovo amico mostrano di convivere e soprattutto di interagire con gusto allora si può certamente lasciare che l’amicizia sbocci in tutta la sua bellezza.

Un caro saluto dalla vostra Donnola Tizia e alla prossima idea per amici pelosi e non pelosi.

 

I cani hanno bisogno della compagnia di altri cani?ultima modifica: 2013-07-23T15:43:06+02:00da salvolapecora
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento