Spiagge per cani in Italia, ecco cosa fare prima di raggiungerle

Tutti al mare?

cane, cani, spiaggia per cani, dog beach, spiagge per cani in italiaL’Italia diventa piano piano sempre più pet friendly e molte sono le spiagge raggiungibili e frequentabili in compagnia di un cane. Sul web basta una veloce ricerca per scoprire se esiste una spiaggia per cani nella zona di interesse ma una volta individuata non ci si deve limitare a fare le valigie e partire con Fido. Ecco alcuni consigli su come procedere per non avere brutte sorprese all’arrivo.

Cercare sul web la spiaggia per cani che ci interessa, non solo un sito ufficiale ma anche eventuali recensioni. Le esperienze sono sempre personali e quindi i giudizi vanno sempre valutati con occhio critico: nel limite del possibile, bisogna cercare di fare una media ragionata delle recensioni lette e trarre le proprie personali conclusioni.

Telefonare alla spiaggia o a chi la gestisce per informarsi e chiarire se ci sia bisogno di prenotare un posto, per non rischiare di ritrovarsi senza. Al di là della questione prenotazione, una telefonata o una mail sono importanti per stabilire un contatto prima di partire per chiarire tutti i punti che suscitano perplessità e che sul sito ufficiale della spiaggia prescelta non sono spiegati con chiarezza sufficiente.

Leggere il regolamento della spiaggia per cani: non è un particolare irrilevante, anzi, è fondamentale sapere se si possiedono tutti i requisiti richiesti- su tutti, le vaccinazioni dimostrabili tramite apposito libretto – e se quello che offre la spiaggia soddisfa le proprie esigenze e quelle del proprio cane, ad esempio la possibilità di fare bagnare il cane in acqua. Se il regolamento non è pubblicato online può essere il caso di procurarsene una copia.

Avere sempre con sé guinzaglio, ciotola dell’acqua e paletta e sacchettini per raccogliere le deiezioni: ecco il minimo indispensabile per assicurare un buon soggiorno marino a Fido. Se poi sarà lo stabilimento a fornire acqua, ciotole e quanto altro serve al cane ancora meglio. Il guinzaglio è quasi sempre obbligatorio, ma è comunque sempre meglio averlo con sé visto che su una spiaggia si vive a stretto contatto altri esseri umani e anche altri cani.

Infine, valutare con più obiettività possibile il proprio cane: non si tratta solo di comportamento o vivacità ma anche di altre caratteristiche: è troppo vecchio per affrontare il caldo estivo? È in perfette condizioni di salute? Reagisce bene alle novità o è un cane che si stressa facilmente? Una spiaggia brulicante di persone, bambini e altri animali potrebbe non essere adatta. Se in famiglia ci sono anche dei bambini si è in grado di badare a loro e anche al cane? Tutti questi interrogativi servono solo ad affrontare con maggiore lucidità l’opportunità di portare Fido in spiaggia e di assicurare a tutta la famiglia un soggiorno sereno al mare.

Un caro saluto dalla vostra Donnola Tizia e alla prossima idea per amici pelosi e non pelosi.

 

Spiagge per cani in Italia, ecco cosa fare prima di raggiungerleultima modifica: 2013-04-23T15:28:38+02:00da salvolapecora
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento