Gatto femmina o maschio: il sesso è un criterio valido per scegliere un gatto?

Maschio o femmina?

Quando ci si prepara all’arrivo di un gatto in casa si pensa anche a quale gatto scegliere: di razza o non di razza, da chi adottarlo – allevatori, amici o scelta casuale – e infine ci si può preoccupare anche del sesso del gatto. Stabilire se sia meglio un gatto maschio o femmina è molto difficile, ma se proprio si è interessati a questo aspetto ecco qualche indicazione genrica sulle differenze tra gatto maschio e gatto femmina.

notizie animali, gatto, gatta, gatto maschio, gatto femmina, scegliere gatto maschio o femmina, caratteristiche gatto maschio, caratteristiche gatto femmina

Il carattere del gatto per alcuni è un criterio valido. Si tende a credere che le gatte femmine siano più tranquille e affettuose ma anche i maschi possono esserlo altrettanto. Al di là del carattere individuale di un gatto – che prescinde dal sesso – probabilmente la differenza in questo caso la fa il padrone: affetto, gentilezza e attenzioni in buona misura probabilmente genereranno lo stesso tipo di risposta da parte del gatto.

I problemi del tratto urinario come ad esempio le ostruzioni marcano invece una differenza tra gatti maschi e femmine: queste ultime in genere soffrono meno di questo genere di problemi perché la loro uretra è meno stretta e quindi leggermente meno incline al presentarsi di queste patologie.

I costi della sterilizzazione sono diversi, è vero: sterilizzare una femmina è più costoso, ma non bisogna dimenticare che è una spesa da affrontare una volta sola. Se si parla invece di gatti non sterilizzati, è vero che i maschi marcano il territorio con la loro urina e che tendono ad allontanarsi di casa seguendo il richiamo delle femmine, con tutti i rischi annessi di contrarre malattie o avere un incidente. Le femmine, d’altronde, durante il calore possono allontanarsi di casa e miagolare senza posa, senza contare il rischio di ritrovarsi con cucciolate numerose e ripetute. In sostanza, l’unico criterio valido è la predisposizione ad affrontare economicamente la sterilizzazione del gatto, sia esso maschio o femmina, per assicurare all’animale una vita tranquilla e in salute.

Sesso ed età del gatto possono diventare un criterio quando in casa vive già un gatto: se la scelta è libera, meglio orientarsi su un gatto giovane – più giovane del “padrone di casa” – e di sesso opposto, il che in teoria dovrebbe mettere al riparo dal rischio di azzuffate continue.

Un caro saluto dalla vostra Donnola Tizia e alla prossima idea per amici pelosi e non pelosi.

 

Gatto femmina o maschio: il sesso è un criterio valido per scegliere un gatto?ultima modifica: 2013-03-21T15:36:35+01:00da salvolapecora
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento